Brevi note biografiche su James Koller 

Poeta, scrittore, editore, artista visivo e fotografo, James Koller è nato nell’Illinois nel 1936, nel 1956 si trasferisce a San Francisco dove conosce i poeti dalla Beat Generation ed inizia a scrivere le sue prime poesie. Successivamente, nel 1964, pubblica la (mitica) rivista di poesia, arte visiva, teatro e prosa “Coyote’s Journal” e fonda la casa editrice “Coyote’s books”. Negli anni '90 pubblica la rivista letteraria “Otherwise”.  Come poeta, saggista e romanziere ha pubblicato più di quaranta libri, tra questi “Like it was” 1999, un mix di prosa, poesia e memorie sul movimento controculturale degli anni sessanta in California, di cui Koller era parte, e il recente Snows Gone By, una selezione di poesie vecchie e nuove, scritte nell’arco di quasi 40 anni di attività.  Apprezzato nel suo paese, altrettanto lo è in Europa dove i suoi libri sono stati tradotti in varie lingue: francese, svedese, olandese, tedesco. In Italia ha pubblicato “The Bone Show”, 1999/2004 - una piece poetico-teatrale pubblicata dalla Rete Bioregionale. “Vicino alle Origini”, 2000 - Edizioni Arcobaleno Fiammeggiante, Napoli, “Dopo giorni di pioggia”, 1999 - Edizioni Porto dei Santi, Bologna e recentemente Ceneri e brace, 2004 – Fondazione Franco Beltrametti/Josef Weiss Edizioni  E’ stato amico ed ha viaggiato a lungo, sia negli Stati Uniti che in Europa, con il poeta italo/svizzero Franco Beltrametti (ora scomparso). Attualmente si esibisce spesso assieme al musicista Karl Bruder, al poeta tedesco Stefan Hyner e al poeta svedese Reidar Ekner. Collabora con la Rete Bioregionale Italiana dal 1999. Vive con la moglie Maggie Brown in una casa nei boschi del Maine.  

 “Per me la poesia è celebrazione, celebrazione di tutto ciò che esiste, di tutto ciò che è vivo (in ogni senso della parola).
James Koller